By Daniela Coppola

I Greci elaborarono un immaginario di determine mitiche e di spazi liminari associati al vento, funzionali a specifiche tipologie di intervento a livello narrativo. A fronte di una tendenza storiografica, affermatasi nei secoli scorsi, che individuava nei venti specifiche divinità e ne approfondiva gli aspetti cultuali, il libro si propone di ricostruire una morfologia del vento come fenomeno naturale e di analizzarne i processi di antropomorfizzazione e le percezioni sonore, attestati nel pensiero mitico. L’analisi, condotta soprattutto sulla tradizione omerica ed esiodea, presuppone uno statuto del vento che, riprendendo una definizione brelichiana, inquadra il fenomeno atmosferico nella categoria degli esseri additional umani che ‘agiscono’ nel presente. Gli anemoi, potenze capaci di varcare l. a. barriera tra l. a. vita e los angeles morte e di superare los angeles distinzione tra mortali e dèi, si collocano alla frontiera tra mondo umano e mondo divino.

Show description

Read or Download Anemoi: morfologia dei venti nell'immaginario della Grecia arcaica PDF

Similar italian books

Extra info for Anemoi: morfologia dei venti nell'immaginario della Grecia arcaica

Sample text

Storia, cultura arte e società (a cura di S. Settis), I, Torino 1996, pp. 431-467. , Od. XI 541-542. , Il. XXIII 72. Secondo E. Rohde, op. , p. 7 la psyche rappresenta un “altro io”. Al contrario W. Otto, Theophania. Lo spirito della religione greca antica, tr. , Genova 1983, pp. 69-71 definisce la psyche un “essere dell’essere stato” e nega la possibilità di vedere nell’anima una prosecuzione della vita. J. Bremmer, op. , pp. 14-19 definisce la yuch@ omerica free soul, espressione della persona vivente al momento della crisi corporea.

XXIII 200; Od. V 295. , Il. XXIII 200. , Il. XXIII 208. , Il. XVI 183; XX 70; XXI 511; Od. XI 172). 17 Mitologia dei venti 39 di pioggia24 e di neve25, distruttore del lavoro dell’uomo26. I pochi epiteti che lo qualificano come vento favorevole o gradevole sono sempre funzionali alla volontà divina e al contesto narrativo. Zefiro diventa aèkrah@v quando è utile alla navigazione27, e spira come vento favorevole (ouùrov) o, nell’episodio di Eolo, come brezza leggera e orientata (pnoih@). Accanto a queste caratteristiche di vento tempestoso e dannoso, la tradizione omerica attribuisce a Zefiro singolari doti di velocità e fecondità28.

115 È difficile dai pochi accenni omerici individuare la tipologia della casa dei venti, che nella tradizione di V secolo è di pietra. Infatti Sofocle (Ant. 983) colloca la provenienza dei venti da spelonche, ripresa anche nella tradizione latina. Cfr. Seneca (Nat. Quaest. V 14, 1): “edi e specu ventos recessuque interiore terrarum”; Plinio (Nat. Hist. VII 10): “haud procul ab ipso aquilonis exortu specuque eius dicto”. , Od. VIII 361. , Il. XI 222; XIII 30; XX 484-485. , Il. IX 72. , Il. XXIV 234.

Download PDF sample

Anemoi: morfologia dei venti nell'immaginario della Grecia by Daniela Coppola
Rated 4.32 of 5 – based on 16 votes